Alcool e malattie cardiovascolari

5 grudnia 2019 Malattie

L'abuso di alcol ha un impatto significativo sulla salute umana. Con un consumo eccessivo di bevande ad alta percentuale aumenta il rischio di ipertensione o di aritmie cardiache. A volte si verifica anche la cardiomiopatia alcolica. L'uso simultaneo di alcool e farmaci cardiovascolari può intensificarne o indebolirne gli effetti.

Il consumo giornaliero di etanolo puro aumenta il rischio di malattie coronariche. Si presume che consumare meno di 30 g di etanolo protegga dalle malattie sia degli uomini che delle donne. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) mette in guardia contro gli effetti negativi del consumo di alcol sulla salute. Alle persone che non bevono non dovrebbe essere consigliato di non consumare alcol per ridurre i rischi cardiovascolari, e a coloro che bevono troppo dovrebbe essere consigliato di ridurre il consumo di alcol.

Alcool e malattie cardiovascolari

La grande maggioranza degli studi indica che un consumo moderato di alcol sia negli uomini che nelle donne si traduce in una riduzione di quasi il 30% del rischio di morbilità e mortalità. Tuttavia, la dipendenza è stata osservata nei non fumatori. Un'assunzione moderata svolge un ruolo protettivo nelle carezze e il consumo di vino rosso è particolarmente importante a questo proposito.

L'impatto dell'alcol sulla salute del corpo è attualmente molto controverso. Si ritiene che una piccola quantità di alcol consumato previene l'insorgenza di malattie cardiovascolari, e l'eccessiva somministrazione di alcol può portare a gravi conseguenze e talvolta alla morte. Risulta che l'influenza dell'etanolo è correlata alla sua dose e frequenza di consumo. Questo, naturalmente, non si applica a tutte le malattie.

E' chiaro che bere alcol in famiglie con dipendenza da alcol non è consigliabile, in quanto spesso porta ad effetti psicologici negativi che portano alla dipendenza.

Alcool e diabete

Ogni anno aumenta l'incidenza del diabete e della sindrome metabolica. La prevalenza in Polonia è stimata rispettivamente al 3,5% e al 20% della popolazione totale. Questa malattia porta molto spesso a cardiopatia ischemica. Un consumo moderato di alcol riduce il rischio di morbilità. Ciò è dovuto ad una riduzione dei livelli di insulina, soprattutto dopo un pasto, e ad un aumento della sensibilità delle cellule al metabolismo dell'insulina e del glucosio per 12-24 ore dopo il consumo di etanolo.

5 grudnia 2019 Malattie